Fresatrici

La fresatrice agricola o fresa o zappatrice o coltivatore rotativo, è una macchina agricola usata per la lavorazione del terreno. La fresatura viene fatta sia come lavoro preparatorio alla semina...

Trinciatrici

La trinciatrice, trinciaerba, trinciasarmenti o trinciastocchi a seconda del vegetale su cui deve lavorare, è una macchina agricola che viene usata per sminuzzare e triturare stoppie...

Erpici

L'erpice rotante, erpice rotativo a denti o frangizolle è una macchina agricola utilizzata per rompere le zolle e dissodare il terreno a seguito di un’aratura  per prepararlo alla semina...

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Via Poirino, 26 - 14019 Villanova d’Asti (AT) • Tel. +39 0141.946078 - Fax +39 0141.946527

EIMA-ita
Saremo presenti alla Fiera della meccanizzazione agricola di Savigliano
il 14-15-16-17 Marzo 2018 STAND n. M 2-4-6

Home >> Fiere e news >> Agricoltura biologica: un settore che continua a crescere

Agricoltura biologica: un settore che continua a crescere

bio

Il biologico si conferma il settore più dinamico dell'agricoltura europea. Dal 2012 al 2016 il metodo di coltivazione bio ha conquistato quasi 400mila ettari l'anno: le superfici dedicate all'agricoltura biologica, certificate o in conversione, sono arrivate a 11,9 milioni di ettari, vale a dire il 6,7% della superficie agricola totale utilizzata (Sau) dell'Unione.

 

L'incremento rispetto al 2012, quando si parlava di poco più di 10 milioni di ettari, è stato del 18,7%. Eurostat registra una tendenza all'aumento anche nel numero di produttori biologici registrati, che hanno raggiunto quota 295.600 alla fine del 2016. Il mercato del biologico Ue oggi vale 27 miliardi di euro, il 125% in più rispetto a 10 anni fa e per soddisfare la domanda l'offerta di prodotti bio Ue aumenterà ancora.

Secondo Eurostat, visto che un prodotto può definirsi bio solo se viene da terreni pienamente 'convertiti' (ci vogliono due o tre anni), la percentuale delle aree in conversione offre un'indicazione chiara della crescita potenziale del settore negli anni a venire. 

 

Spagna, Italia, Francia e Germania si confermano i Paesi con maggiori estensioni coltivate e il maggior numero di produttori. Insieme rappresentano oltre la metà del totale delle colture biologiche e dei produttori bio Ue. Austria, Svezia, Estonia e Italia fanno registrare anche la quota più elevata di aree a biologico sul totale delle superfici coltivate.

 

In base ai dati del Sinab, il sistema di informazione nazionale sul biologico, nel 2016 in Italia superfici e operatori sono cresciuti del 20% rispetto al 2015, arrivando a coprire quasi 1,8 milioni di ettari, circa il 14,5% della superficie agricola utilizzata. Le aziende sono oltre 70mila, il 4,4% del totale nazionale. La regione in cui si trova la maggior estensione è la Sicilia, seguita da Puglia e Calabria. Nel 2016 le vendite di prodotti biologici hanno raggiunto i 3 miliardi di euro, con una crescita del 14% sull’anno precedente e l'export ha aumentato il valore di circa 2 miliardi di euro, facendo segnare un +15% sul 2015.

 

La politica agricola comune sostiene l'agricoltura biologica come risposta alla domanda dei consumatori di pratiche agricole più rispettose dell'ambiente. Fondi specifici a sostegno della conversione dei terreni da agricoltura convenzionale, consolidamento e sviluppo dell'agricoltura biologica sono previsti nei programmi di sviluppo rurale.

Redazione ANSA  25 gennaio 2018